Il sotto-dio

Rimanendo in tema di primi articoli su Cioran in Italia, questo di Alfredo Giuliani (scrittore del movimento “Gruppo 63”) penso sia uno dei più validi.
Ha intuito infatti pienamente le potenzialità dello scrittore rumeno, dandone alcune definizioni illuminanti.
Dirà infatti: “Questo scrittore scioglie i grassi del pensiero, dissolve gli acidi dei sentimenti, ci rende più leggeri” oppure: “In fondo, questo grande negatore non è un nichilista, è un giocoliere”, frase che ricorda un aneddoto raccontato dallo stesso Cioran, in cui si definirà un “plaisantin”, un burlone (e non un “pensatore”).

Leggi il resto dell’articolo

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: